Die tote Stadt

  • SCHEDA

SCHEDA

Luogo: Venezia
Anno: 2009
Musica: Erich Wolfgang Korngold
Direttore: Eliahu Inbal
Regia: scene e costumi: Pier Luigi Pizzi

A rappresentazione finita uscendo da teatro e guardando i bagliori dell’acqua stagnante sotto i ponti alle luci della sera ci si chiede un po’ storditi dov’è il confine fra realtà e finzione o se stiamo sognando pure noi.

  • GALLERIA

GALLERIA

  • DICONO

DICONO

Difficilmente potremmo immaginarla in un allestimento diverso: lo firma Pier Luigi Pizzi ed è uno dei suoi, in assoluto, perfetti. Pizzi è un grande, sa raccontare con toccante sensibilità, ma vuole temi del presente. È un moderno. Basti la minuziosità e anche il coraggio con cui apre il sipario sulla stanza-tabernacolo della morta: lei è infatti «die Tote», la protagonista assente, il fantasma che incombe sul giovane Paul, il tenore che Korngold mette sul lettino di Freud. Sua moglie è morta. Naturalmente era bellissima, insostituibile. Lui la venera in stato di perenne esaltazione malata. Pizzi le arreda una stanza nera ovunque, dai cuscini per terra alle cornici, laccato Jugendstil […] la scena è tutta doppia, a specchio. Ma lo specchio è al cubo, all’infinito, perché tutto lo sfondo è fatto di acqua riflessa, nera e paludosa, come vuole il libretto: nemmeno la luna la illumina. Il macabro è nell’acqua.

Carla Moreni – Il Sole 24 ORE

Pier Luigi Pizzi rappresenta tutto ciò in un bellissimo ambiente anni 20 tutto giocato sul bianco e nero, formale e freddo, che cela alle spalle una distesa d’acqua sovrapposta da un enorme specchio che riverbera le immagini e i deliri di Paul.

Sebastiano Bollato – NonSoloCinema

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ALTRI LAVORI

Chiudi il menu