Death in Venice

  • SCHEDA

SCHEDA

Anno: 2008
Luogo: Venezia
Opera in due atti Op. 88 su libretto di Myfanwy Piper
Musica: Benjamin Britten
Direttore: Bruno Bartoletti
Coreografia: Gheorge Iancu
Regia, scene e costumi: Pier Luigi Pizzi

L’allestimento è di una bellezza struggente, fatta di scorci di Venezia calati in una luce livida, opprimente, mortifera; il sole del Lido che illumina la spiaggia e poi i “Giochi di Apollo” è immobile portatore di morte, l’aria pesante fa sì che ogni movimento. Le atmosfere oniriche create convincono sino in fondo ed emozionano profondamente.

  • GALLERIA

GALLERIA

  • DICONO

DICONO

Lo spettacolo firmato da Pizzi trova una sua convincente chiave di lettura Il motivo conduttore e la prima scena sono ispirati a “L’isola dei morti” di Arnold Böcklin: le pareti di roccia sono sostituite da libri che paiono rovine antiche ed accentuano l’ineluttabile immobilità che costituisce il fascino dell’originale. Il senso di morte e di presagio che i cipressi emanano permane fino alla fine: gli alberi snelli e scuri, come di ghisa, puntano verso l’alto, sporgendo anche dalle vedute veneziane, a ricordare l’inevitabilità del destino. Le eleganti scene ambientano la vicenda negli anni Trenta ed in luoghi di eleganza metafisica e rarefatta, con richiami veneziani.

Francesco Rapaccioni – Gbopera

L’allestimento di Pier Luigi Pizzi è di una bellezza struggente, fatta di scorci di Venezia calati in una luce livida, opprimente, mortifera; il sole del Lido che illumina la spiaggia e poi i “Giochi di Apollo” è immobile portatore di morte, l’aria pesante fa sì che ogni movimento. Le atmosfere oniriche create da Pizzi convincono sino in fondo ed emozionano profondamente, invitando a riflettere, ponendo la concentrazione del pubblico sulla musica e sull’azione coreografica. Grazie al palcoscenico della Fenice i molti cambi di scena avvengono quasi a vista, non facendo mai perdere allo spettatore il filo dell’azione.

Alessandro Cammarano – Operaclick

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ALTRI LAVORI

Chiudi il menu