Così fan tutte

  • SCHEDA

SCHEDA

Anno: 2011
Luogo: Macerata
Autore: Wolfgang Amadeus Mozart
Direttore: Daniel Kawka
Regia, scene e costumi: Pier Luigi Pizzi

La scenografia fissa presenta una ripa di mare davanti ad un villino bianco inondato di luce chiara, un’immagine che da sola rasserena e predispone al buonumore. Sapienti le luci di Vincenzo Raponi.

  • GALLERIA

GALLERIA

  • DICONO

DICONO

L’apprezzamento del pubblico appare più che meritato per uno spettacolo che si può sicuramente annoverare fra quelli del Pizzi più ispirato: scena fissa tanto lineare quanto magica nel suo evocare un’ampiezza e una spazialità che catturano lo spettatore. In perfetta simbiosi con la scena anche il disegno luci, a figurare un cielo terso e abbagliante che trascolora nell’azzurro del mare, e nel secondo atto si infiamma nelle tonalità del rosso e del viola seguendo la temporalità del giorno che volge al tramonto.

Domenico Ciccone – Operaclick

Così fan tutte, ossia la scuola delle amanti con la regia, le scene ed i costumi di Pier Luigi Pizzi. La sue installazioni sceniche, improntate ad un grande rigore architettonico, e le ambientazioni, ai limiti della purezza formale, sono incorniciate da luci sempre molto presenti e voraci di protagonismo.

Davide Oliviero – Gbopera

Punto di forza degli allestimenti di Pizzi sono sempre scene e costumi. La scenografia fissa presenta una ripa di mare davanti ad un villino bianco inondato di luce chiara, un’immagine che da sola rasserena e predispone al buonumore. Sapienti le luci di Vincenzo Raponi, che nel finale virano verso un azzurro serale.

Francesco Rapaccioni – Teatro.it

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

ALTRI LAVORI

Chiudi il menu